Community//

Family and Nature in Italy!

An interview with psychologist Marco Brandi on the importance of being able to disconnect from technology and connect to nature. The benefits for ourselves and most importantly for our children are countless. (Italian translation included)

In today’s world it is becoming increasingly and progressively difficult to disconnect from technology, to the point that we are now facing a technology addiction emergency. Yet, as human beings, the need to be with other people, especially with our loved ones is vital for our mental, emotional and physical well-being. I asked friend and psychologist Marco Brandi his opinion on the matter.

In your opinion, what are the major sources of stress and anxiety for adults and children alike?

First of all it is important to clarify a concept: anxiety and stress are necessary. There are two types of anxiety: one that can be called structuring (it enables us to remain concentrated and worried to the right right degree in order to get a task finished), and the other which can be called destructive (it completely annihilates the ability to concentrate, reason and act). The same thing is true for stress: Eustress is the functional component, it helps one move forward; distress on the other hand is exhausting, it depletes our physical and mental resources. For adults, the most difficult part of every day life is organizing time. Multitasking for example gives us the illusion of being able to work at more than one thing at a time for a limitless amount of time. The human brain is not structured for multitasking. This creates an enormous waste of energy. Not being able to live up to the expectations of being bionic men and women makes us feel unhappy, insecure and makes it difficult to establish and work toward realistic objectives. Children are affected by the role models in their environment. Therefore they learn from us. In this day and age children are rarely stimulated to confront their own limits. The moment we see our children in difficulty we remove the obstacle from their path. In terms of the development of a child’s auto-efficiency, the consequences of being overprotective are dramatic. The message a child receives is that he is incapable, future challenges will be perceived as failure even before they think of attempting to face them.

A tuo avviso, quali sono le maggiori fonti di stress e di ansia nella vita di un adulto oggi? E nella vita dei bambini?

Innanzitutto è importante chiarire un concetto: ansia e stress servono. Esistono due forme di ansia: quella strutturante (capace di farci restare concentrati e sufficientemente preoccupati della riuscita del compito) e l’ansia destrutturante (che demolisce totalmente la capacità di concentrazione e di ragionamento, nonché di azione. Stessa cosa vale per lo stress: l’Eustress è la componente funzionale, che mi spinge avanti; il distress è quella usurante, che esaurisce le nostre risorse psicofisiche. Per quanto riguarda gli adulti la cosa più difficoltosa è la gestione del tempo. La consuetudine del multitasking ci dà l’illusione di poter vivere tutta la giornata lavorando su più fronti e per un tempo illimitato. Questa capacità non è specifica del cervello umano e comporta un dispendio energetico enorme. Il fatto di disattendere le aspettative di una vita da uomini bionici rende infelici, insicuri, e rende ancor più complesso il fatto di porsi degli obiettivi raggiungibili. I bambini risentono dei modelli che hanno a disposizione e per questo imparano da noi adulti. Il confronto con i propri limiti non viene quasi più stimolato nei bambini e al primo grido di aiuto si sollevano i figli dai loro compiti. Questo comporta delle conseguenze drammatiche in termini di sviluppo del senso di autoefficacia: il bambino ha avuto la conferma di non essere capace e qualunque successiva sfida verrà vissuta come un presagio di morte.

Do we have interior resources we can tap into in order to make our lives better? How can we use them?

As human beings we are capable of motivating ourselves. This means that in times of trouble we can decide to keep on fighting in light of future positive outcomes and results. Animals on the other hand are incapable of procrastinating in order to reach their goal. The ability to remain concentrated for a long period of time is called resilience. We can train ourselves to be resilient. The part of the brain interested in such training is the prefrontal cortex. If we make a daily effort to break out of our comfort zone we can gradually test our limits and begin to feel capable and good about ourselves and our accomplishments.

Quali sono le risorse interiori che abbiamo per riuscire a migliorare le nostre vite? Come possiamo utilizzarle?

L’uomo, a differenza dell’animale, possiede la capacità di automotivarsi. Ciò significa che, giunto ad un punto critico, può decidere di continuare a lottare in vista di un successivo beneficio. L’animale non riesce a procrastinare a lungo il raggiungimento di un obiettivo.
La capacità di restare motivati a lungo si chiama resilienza, ed è allenabile. Si basa sull’attività della corteccia prefrontale e di altre porzioni del cervello: mettendosi alla prova uscendo ogni giorno dalla propria area di comfort riusciamo pian piano a spostarel’asticella più avanti. In questo modo possiamo portare più lontano i nostri limiti e sentirci più capaci.

What role do sports activities play in relation to the physical and psychological well-being of children and adults?

Sports, healthy competition, training in order to reach a goal are life metaphors. If children test their limits by playing sports they will most likely be well balanced, healthy adults. Both team and individual sports give us important incentives: there are rules, there is work to be done and small objectives to attain in order to reach a more distant and important final goal. In young children the idea is to improve pshycomotor and behavioral development. In adolescents who begin to train on a professional and competitive level, scores and numbers testify results.

Che tipo di ruolo gioca lo sport nel benessere psicologico dei bambini? E negli adulti? 

Fare sport, cimentarsi in una competizione, allenarsi per raggiungere un obiettivo è la metafora della vita. Se fin da piccoli i bambini si mettono alla prova in questo senso riusciranno ad essere adulti più equilibrati e in salute. Sia gli sport individuali che quelli di squadra ci danno stimoli importanti: abbiamo un regolamento, un lavoro da fare, dei piccoli traguardi da raggiungere in vista di uno più lontano e prestigioso. Nei bambini molto piccoli gli obiettivi sono votati alla riuscita e al miglioramento degli aspetti psicomotori e caratteriali. Nei ragazzi che si avvicinano all’agonismo ci sono dei riferimenti numerici e di punteggio che delineano con precisione il risultato.

I recently read that doctors are prescribing “nature” to cure stress and anxiety disorders . What do you think about this new approach? What are the benefits of being in contact with nature?

It has been scientifically proven that children who spend a great deal of time outdoors have greater ability in the development of white matter and grey matter. A study published by “Environmental Health Perspectives” and conducted by the Barcelona Institute of Global Health in collaboration with the De Mar Hospital and the UCLA Fielding School of Public Health, confirmed the findings. There are a number of correlations between the two factors: being outdoors could help the brain “rest” thus giving children a better chance to explore and be creative. This helps in brain development. With regard to adults it is important to specify that we choose how to spend our time. Apart from the hours we must spend at work we decide what to do with the remaining time. We can go for a walk on our break and turn off all phone notifications… Children depend on us to organize their time. As adults we should privilege a walk in the park to a half hour spent in front of the TV. Unfortunately this takes effort.

Ho letto recentemente che i dottori hanno iniziato a prescrivere “la natura” per curare disturbi e patologie da stress e ansia. Cosa ne pensi? Quali sono i benefici che possiamo trarre dalla natura?

E’ ormai scientificamente provato: i bambini che hanno vissuto una prima infanzia con frequenti momenti all’aria aperta hanno una capacità maggiore di sviluppare materia bianca e materia grigia. Lo prova una ricerca condotta dal Barcelona Institute of Global Health (IsGlobal) in collaborazione con l’Hospital de Mar e l’UCLA Fielding School of Public Health, pubblicato sulla rivista scientifica “Enviromental Health Perspectives”. Le motivazioni di tale correlazione sono molteplici: lo stare all’aria aperta potrebbe allo stesso tempo far “riposare” il cervello e offrire opportunità di scoperta e creatività, che favoriscono a loro volta lo sviluppo cerebrale.
Rispetto agli adulti c’è da precisare una cosa: la gestione del tempo è arbitrariamente decisa, tolti gli orari che normalmente ognuno di noi dedica al lavoro. Si può decidere, da adulti, di spendere mezzora di pausa all’esterno – dedicandosi a qualche semplice attività manuale, o semplicemente facendo una passeggiata senza controllare le notifiche sul cellulare. I bambini dipendono da noi adulti per quanto riguiarda la gestione delle attività e degli spazi. Noi adulti dovremmo privilegiare una passeggiata a mezz’ora davanti alla tv. Purtroppo costa fatica.

It is not easy to change our lifestyle. What are the first steps we can take to win back our physical and mental well-being?

First of all it is important to fix realistic objectives. This goes for adults and through adults for children as well. Potentially there are an infinite number of things we should do in one day. By organizing our time we can realistically decide what we will and will not be able to accomplish. Writing down our goals for each day on paper can be very helpful. Another fundamental aspect of our lives is something we call “relational maintenance”. It is necessary to find time each day to renew our ties and bonds with those we love and with our friends. All these things are within our power. We decide how to to spend our time, not the opposite.

Cambiare stile di vita non è semplice. Quali sono i primi passi da compiere per riconquistare il nostro benessere fisico e psiclologico?

Innanzitutto è importante porsi degli obiettivi raggiungibili. Questo vale per gli adulti e tramite loro per i più piccoli. All’interno della giornata le cose da fare sarebbero infinite: organizzando bene il proprio tempo si può decidere concretamente cosa si riuscirà a portare a termine e cosa no. Scrivere gli obiettivi della singola giornata è molto utile.
E’ fondamentale quella che noi chiamiamo la “manutenzione delle relazioni”: spendere un po’ di tempo durante il giorno per rinnovare i nostri legami di amore e di amicizia.
Sono tutte cose in nostro potere. Siamo noi a gestire il tempo e non il contrario.

What is the Capodarco Oasis?

The Capodarco Community Park is a 7 acre Mediterranean and Sub-Mediterranean forest. In 2010 the Italian Ministry of Economy and Finance funded an environmental upgrading of the area. The forest serves as an important educational site for children and families who can experience a wide range of guided or non-guided activities like hiking.

Che cosa è l’Oasi di Capodarco?

Il Parco della Comunità di Capodarco consiste in un bosco di circa 7 ettari di macchia mediterranea e sub-mediterranea,  sorto grazie a un’importante opera di riqualificazione ambientale realizzata grazie a un finanziamento concesso nel 2010 dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. All’interno dell’area è possibile svolgere molte attività, guidate e non, di tipo didattico-ambientale ed escursionistico.

Marco Brandi with parents and children during workshop.

What type of activities does the “Family and Nature” project offer?

The “Family and Nature” project was born in 2015. It is the result of a team effort between myself and my friend and expert Naturalist Nazzareno Polini who has devoted much time to environmental education. By combining our abilities and passions we gave life to an active structure which gives children and parents the opportunity to rediscover their bond to nature. We do not use what is know as a “new age” approach. Rather our aim is to help everyone live real experiences by using the resources nature has to offer. Our workshops and excursions cover a wide range of enterprises: from learning how to start a fire the primitive way, to planting trees and seeds to grow a vegetable garden, to learning how to handle and/or rescue a bird of prey or a snake… Every activity has and educational purpose. In order to reach our goal we must succeed in stimulating senses and sparking creativity. There is a Latin term which means “to pull out” (ex-ducere), we help people learn how to pull out and discover their passions by living real experiences in contact with the environment.

Che tipo di attività svolgi con il progetto Famiglia e Natura?

Il progetto Famiglia e Natura nasce nel 2015 grazie alla collaborazione e all’amicizia con Nazzareno Polini, esperto Naturalista e impegnato nella didattica ambientale. Mettendo insieme le nostre capacità e passioni abbiamo dato vita ad un organismo attivo che dà la possibilità a bambini e genitori di vivere e rivivere il rapporto con la natura in maniera totalizzante. C’è da precisare che il nostro non è un approccio “new age”: non diffondiamo leggende sugli spiriti del bosco ma mettiamo le persone nelle condizioni di sperimentare attività e materiali concreti. Gli eventi sono composti da laboratori ed escursioni: dall’accensione del fuoco con le pietre focaie alla piantumazione di alberi e semi dell’orto; dalla gestione dell’uccello rapace alla manipolazione di un serpente. Ogni attività ha la sua parte didattica: si stimolano i sensi e la curiosità per educare (dal latino ex-ducere, tirar fuori) le persone a ricercare le loro passioni attraverso la conoscenza reale.

The raptors experience in the Capodarco Oasis.

How does a family benefit from spending time together in nature?

Our project creates a concrete possibility for families to spend time together in nature. Our activities are simple. We tap into memory and traditions. We go for picnics, we bring children back into contact with darkness, night and adventure; we help adults recall childhood feelings and emotions by rediscovering abilities and dreams that may have gone lost in time. We are trying to bring back a simple way of life through nature. We also encourage families to use their smartphones wisely (sometimes we ban them completely) during workshops in order to encourage everyone to listen, observe and store images in their minds. This allows us to share and tell about the experiences we live (and not on whatsapp).

Di quali benefici giova una famiglia che svolge attività insieme nella natura?

Il nostro progetto crea la concreta possibilità di spendere del tempo in famiglia. Ricreiamo l’antica tradizione del picnic a terra, riportiamo i bambini a contatto con il buio e la notte; ridestiamo negli adulti antiche reminiscenze che fanno riscoprire abilità e sogni ormai persi. Sono obiettivi semplici, a cui diamo concretezza grazie all’aspetto laboratoriale.
Inoltre alla maggior parte dei nostri eventi è consigliato un utilizzo consapevole dello smartphone (se non un divieto); in questo modo lasciamo che piccoli e grandi possano guardare e ascoltare emozionandosi e fissando il ricordo alla memoria, lasciando spazio al racconto per condividere l’esperienza avuta (e non a whatsapp).

A night excursion in the Capodarco Oasis.
A walk with donkeys in the Capodarco Oasis.

Can you please give us one practical piece of advice to help families spend quality time together?

In order to spend quality time together it is important to work on “relational maintenance”. A child whose parents communicate with loved ones merely by video calls do not grow with a good inclination towards relationships. It is easy to avoid friends and loved ones by not answering a call or by sending a text message. We must always create moments to be together physically, to speak directly to one another. We need to be together like we used to, like we did when electronic devices were not around. We must all realize it’s fun and possible to be together without our smartphones ringing and feeling the need to check notifications at every beep. This does not mean children should not be in contact with electronic devices; rather we should make the effort to help them learn how to use technology appropriately, in a way that keeps us human.

Un consiglio pratico per aiutare le famiglie a stare bene insieme? 

Per riuscire ad avere dei sani momenti in famiglia bisogna educare alla manutenzione delle relazioni. Un bambino i cui genitori comunicano e restano in contatto coi loro cari solo tramite videochiamate non crescono con una buona propensione alla relazionalità. Ad una videochiamata si può rispondere o meno, si può allo stesso modo decidere di non farla e liquidare con un messaggino. Le occasioni vere, quelle in cui si sta insieme e si risponde schiettamente, vanno ricreate sempre. I mezzi di comunicazione elettronica servono e i bambini devono conoscerli, essendo anche coscienti della valida alternativa. Stare bene insieme significa vivere nel momento presente, apprendere ciò di cui abbiamo bisogno ma stare insieme come si faceva una volta. Si sta bene insieme anche senza smartphone ma non tenete i bambini all’oscuro del suo utilizzo: piuttosto impegnarsi a normarne l’utilizzo è la cosa più importante.

The Thrive Global Community welcomes voices from many spheres. We publish pieces written by outside contributors with a wide range of opinions, which don’t necessarily reflect our own. Learn more or join us as a community member!
Share your comments below. Please read our commenting guidelines before posting. If you have a concern about a comment, report it here.

You might also like...

Community//

5 Lifestyle Changes that Could Help You to Reduce Stress and Improve Mental Well being

by Aneurin Wilson
Community//

Wellness and Wholeness Begins Within Us

by Melissa Clark
Community//

5 Ways To Optimize Mental Wellness During Stressful Family Gatherings With Tonja Dodd

by A.N. Gibson

Sign up for the Thrive Global newsletter

Will be used in accordance with our privacy policy.

Thrive Global
People look for retreats for themselves, in the country, by the coast, or in the hills . . . There is nowhere that a person can find a more peaceful and trouble-free retreat than in his own mind. . . . So constantly give yourself this retreat, and renew yourself.

- MARCUS AURELIUS

We use cookies on our site to give you the best experience possible. By continuing to browse the site, you agree to this use. For more information on how we use cookies, see our Privacy Policy.