Community//

How Reading Is Helping Children In An Italian Hospital

A woman's daily mission to help children smile through the power of written words and the love of a special volunteer community.

Leila Makki

“Reading has always been my passion, since I was a little girl. I never leave home without a book. I carry a book in my purse at all times!” Leila Makki is 45 years old. She’s a dentist, just like her father. I had the pleasure of meeting her about a year ago when I joined a volunteer group called: Favole In Corsia. Translated it means Fairy Tales Along The Aisles. The aisles being those of the pedaitric ward of a hospital in the town of Fermo, in Italy, where I live. Inspired by the experience of a friend, two years ago Leila decided to tote her enduring dream of bringing some joy into the lives of sick children through reading. She began contacting all her acquaintances to ask if they would be willing to volunteer some time at the hospital to read stories to all the little patients. The response went above all expectations. Everyone accepted to help. Today, Leila’s dream is reality. I thought it would be interesting to ask her a few questions and share them with you.

How does reading help a child who is coping with illness in a hospital setting?

Reading to a child is therapeutic because it is like giving them a key that allows them to process the situation they are living. Reading gives children words to express emotions and feelings. This is especially true when a child encounters or comes across a story they can relate to.

Reading is like a relief valve. It helps children deal with painful or stressful circumstances. In our case, when a child is captured by a certain book or story, the fear and anxiety that being in a hospital brings, is forgotten. Doctors, nurses, injections, tests and medications disappear. In that moment, the scary part does not exist. It’s just the child, a volunteer and the book they chose together.

Another positive aspect of the program is the spillover effect it sometimes has on a child’s family. Some girls and boys are not fortunate enough to have parents or grandparents who read to them at home. I’ve seen parents and grandparents start reading to their children while in the hospital. It’s like witnessing the birth of a bond of love and communication only books can give.

What is the most beautiful thing about this activity?

The most beautiful part of what we do is the priviledged connection reading creates between a volunteer and a child. Every child picks their own special book to read together. It’s one on one. In most cases this helps devolop empathy, affection, trust. For example. One of our volunteers once told me that after she had finished reading to a little patient, the little girl jumped up from bed and burst out with: “Now, it’s my turn to read to you!”

Sometimes a child will ask to take a certain book home from the hospital. Of course we encourage this. It’s wonderful! The desire to keep a book means the child longs to preserve the emotions received through the story. In time they may forget the characters of a book they enjoyed, but the positive feelings it generated will remain and emerge in moments of need.

“In most cases this helps develop empathy…” What do you mean by: “In most cases “?

Every situation is different. There are times when parents or family do not appreciate having us around and are not interested in reading together. This can happen for a number of reasons. We have to accept this part of our “job” as well by learning not to take things personally or be offended.

Nowadays, it’s not unusual to walk into a room and find children playing with tablets, cell phones and other devices. Likewise, it’s not unusual to hear a parent say: “No thank you, we’re not interested in reading. My daughter or son is fine with his/her video game right now.

In these circumstances it’s easy to feel overwhemed by a sense of failure, because everyone loses. It’s a missed opportunity to communicate and relate as human beings.

What does volunteering represent for our communities?

It embodies all the good there is in each of us. The generous part we all have inside thrives when we decide to become volunteers. We live in a very self centered, materialistic society. However, volunteers are present in so many different ways. We’re out there. As long as there are people willing to give without expecting something in return, there is hope for humanity. Although any volunteer will tell you they recieve much more than what they give.

How do you find time to read to your own children?

Maybe I manage to find time because reading is my passion. I have two daughters. My younger girl is eight and half years old. Her older sister is eleven and a half. Over the years I always tried to find time to read to them. I wanted them to realize that books are lifelong companions, friends we can rely on. Books are one of the few things in life that can be with us all the time; when we are young and as we grow old, when we are well or when we happen to be sick. With a book in our hands we never feel lonely. 

Women today have to divide themselves between many types of different activities and responsibilities. We often feel burned out. How do you cope with fatigue?

I suffer mental fatigue more than I do physical tiredness. Having to divide myself between home and work is stressful. Even though we live in year 2017 society still produces and generates the image of a woman that has to be perfect in every way. We have to be flawless on the job and exemplary mothers and wives inside the house. We have to look good and smile all the time. Feeling the  need to live up to these expectations is terrible. We are hard on ourselves, especially when something happens to go wrong. We tend to blame ourselves more than we should.

When I leave work I turn off my cell phone, my computer, everything. I simply rest. I have to.

What was your favourite book as you were growing up?

Little Women. We all wanted to be Jo. She was a strong and indipendent young woman. She was the one who cut her hair short, who lived on her own and had the courage to persue her dream of becoming a writer. She embodied our desire to be free and equal. 

Name a book you read and enjoyed recently?

Snow, by Maxence Firmine. ” And they loved one another suspended on a thread of snow.” Such a beautiful image.

Italian version – Versione italiana

Come La Lettura Sta Aiutando I Bambini Di Un Ospedale Italiano

La missione di una donna per aiutare i bambini in ospedale a trovare un sorriso attraverso il potere delle parole e dell’amore di una gruppo di volontari speciali.

“Leggere e` sempre stata una passione per me, da quando ero bambina. Non esco mai di casa senza un libro. Ho sempre un libro nella borsa!” Leila Makki ha 45 anni. E` odontoiatra, come suo padre. Ho avuto il piacere di conoscere Leila circa un anno fa, quando mi sono iscritta al gruppo di volontariato “Favole in Corsia”. Le “corsie” sono quelle del reparto di Pediatria dell’Ospedale Murri di Fermo. Ispirata dall’esperienza fatta da una cara amica , due anni fa, Leila ha dato vita al suo sogno, quello di portare gioia e sorrisi nelle vite dei piccoli degenti attraverso la lettura.

Con l’aiuto di amici e conoscenti, entusiati del progetto, e` nato un nutrito gruppo di volontari che a turno si recano in ospedale per leggere racconti e storie insieme a bambini di ogni eta`. Ho incontrato Leila qualche giorno fa. Ecco cosa mi ha raccontato. 

Quali sono i benefici della lettura per un bambino o una bambina che si trova a dover affrontare un ricovero ospedaliero?

La lettura e` terapeutica perche` da la chiave ai bambini ricoverati per elaborare certe situazioni. I libri forniscono parole che permettono ai bambini di esprimere le emozioni che provano. Questo accade in modo particolare quando si imbattono in un racconto che ricalca l’esperienza che stanno vivendo.

La lettura rappresenta una valvola di sfogo per uscire da una realta`, in questo caso ospedaliera, che puo` generare ansia e paura nei bambini. Quando l’attenzione di un bimbo o di una bimba e` rapita da un racconto o da una storia, tutto il resto scompare. I dottori, le infermiere, le punture, le medicine, gli esami, tutto questo non esiste piu`. In quel momento la parte angosciante della degenza viene dimenticata. Si crea “una bolla” in cui si trovano solamente il bambino/a, il/la volontario/a e il libro che hanno scelto insieme.

Un altro aspetto importante della nostra attivita` e` l’effetto positivo che spesso ha, non solo sui bambini, ma sulle loro famiglie. Ci sono bambini che non hanno la fortuna di avere genitori oppure  nonni che leggono storie e racconti quando sono a casa. A volte iniziano a farlo in ospedale, insieme a noi. Essere testimoni di una cosa tanto bella e` emozionanate. E` come assistere alla nascita di un legame di amore e di comunicazione che solo i libri possono donare.

Qual’e` la parte piu` bella di questa attivita`?

La parte piu` bella e` il legame, il filo diretto che si crea tra volontario e bambino/a. Ogni piccolo/a paziente sceglie il libro che vuole leggere insieme a noi. E` diverso dalla lettura di gruppo. Nella maggior parte dei casi, questo tipo di approccio permette lo sviluppo di empatia, fiducia e affetto. Mi raccontava una volontaria che una volta, dopo aver finito di leggere un libro, una bambina e` saltata su dal letto e ha dichiarato: “Adesso, leggo io un racconto per te!”

Qualche volta i bambini ci chiedono il permesso di poter portare a casa un libro. Ovviamente noi incoraggiamo la cosa. E` meraviglioso! Il desiderio di tenere con se un libro equivale al desiderio di preservare le emozioni ricevute in dono da quel racconto. Nel tempo, forse non ricorderanno i personaggi del libro che hanno amato ma, i sentimenti positivi generati dalla lettura resteranno, emergeranno nei momenti di bisogno, nel corso della vita.

“Nella maggior parte dei casi questo tipo di approccio permette lo sviluppo di empatia…” Cosa intendi per “Nella maggior parte dei casi”?

Ogni situazione e` diversa. Puo` capitare che un genitore oppure la famiglia non apprezzi la nostra presenza, che non abbiano voglia di leggere insieme. Questo puo` accadere per motivi diversi. Dobbiamo saper accettare il “no” di un genitore senza sentirci offesi.

Di questi tempi non e` raro entrare in una stanza e trovare i bambini impeganti con tablet oppure con i telefoni cellulari. Non e` raro neanche sentire un genitore dire: “No grazie, non siamo interessati alla lettura. Mio figlio/a sta giocando con un video gioco in questo momento. Sta bene cosi`.”

In circostanze come queste puo`subentrare un senso di impotenza o di fallimento in noi, perche`perdiamo tutti. E`una mancata opportunita` per relazionarci da esseri umani.

Cosa rappresenta il volontariato per le nostre comunita`?

Rappresenta tutto il buono che c’e` in ognuno di noi. La parte generosa che vive in noi prospera quando decidiamo di diventare volontari. Viviamo in una societa` molto egoista, fatta di apparenze e cose materiali, ma l’esistenza di tanti volontari, presenti in una moltitudine di realta`diverse, fa ben sperare nell’umanita`. Non e` raro sentir dire da un volontario/a che riceve molto piu` di quel che da. Quando stiamo bene con noi stessi e` un vantaggio per tutta la comunita`.

Riesci a trovare il tempo per leggere alle tue figlie?

Forse riesco a trovare il tempo perche` leggere e` la mia passione. Ho due figlie. La piu` piccola ha otto anni e mezzo. Sua sorella ha undici anni e mezzo. Nel corso degli anni ho sempre cercato di trovare il tempo per leggere insieme. Volevo tanto che potessero realizzare che i libri sono compagni di vita, amici su cui poter contare. I libri sono una delle poche cose che possiamo avere sempre con noi; quando siamo giovani e quando diventiamo anziani, quando stiamo bene o quando capita di stare male. Con un libro accanto non ci si sente mai soli.

Le donne oggi devono sapersi dividere tra molte attivita`e responsabilita` diverse. Le energie spesso non bastano. Come combatti la stanchezza?

Soffro piu` la stanchezza mentale. Il dovermi dividere tra casa e lavoro. La societa`, seppure siamo nel 2017, si aspetta e crea l’immagine di donne perfette. Dobbiamo essere madri e mogli esemplari, impeccabili sul posto di lavoro, avere un aspetto gradevole e indossare sempre un sorriso. Sentire il bisogno di dover soddifare tutte queste aspettative e` terribile. Ci rende eccessivamente dure con noi stesse, specialmente quando qualcosa va storto. Incolpiamo noi stesse piu` del dovuto.

Quando arrivo a casa dopo il lavoro spengo tutto, cellulare, computer, tutto. Mi riposo, devo.

Il tuo libro preferito da ragazza?

Piccole Donne. Volevamo tutte essere Jo. Lei era quella giovane e indipendente che si tagliava i capelli corti e viveva da sola. Inseguiva con coraggio il suo sogno di diventare scrittrice. Incarnava il nostro desiderio di essere libere, di vivere nell’uguaglianza.

Un libro che hai letto e che hai amato di recente?

Neve, di Maxence Firmine. “E si amarono l’un l’altro sospesi su un filo di neve.” E` una frase del libro che mi e` rimasta dentro.





The Thrive Global Community welcomes voices from many spheres. We publish pieces written by outside contributors with a wide range of opinions, which don’t necessarily reflect our own. Learn more or join us as a community member!
Share your comments below. Please read our commenting guidelines before posting. If you have a concern about a comment, report it here.

You might also like...

Community//

C-Suite Moms: “Keep the glass balls in the air and let the rubber ones bounce” With Amber Quist CMO of Silvercar by Audi & Jessica Abo

by Jessica Abo
Community//

C-Suite Moms: “The skills one develops and hones as a mother are some of the most important skills needed to flourish at work” With Deloitte CMO, Diana O’Brien & Jessica Abo

by Jessica Abo

Sign up for the Thrive Global newsletter

Will be used in accordance with our privacy policy.

Thrive Global
People look for retreats for themselves, in the country, by the coast, or in the hills . . . There is nowhere that a person can find a more peaceful and trouble-free retreat than in his own mind. . . . So constantly give yourself this retreat, and renew yourself.

- MARCUS AURELIUS

We use cookies on our site to give you the best experience possible. By continuing to browse the site, you agree to this use. For more information on how we use cookies, see our Privacy Policy.